Come Fare

In questa sezione sono riportate alcune informazioni che ti permettarrano di usufrire al meglio dei servizi offerti dal Laboratorio Analisi Galeno. La versione cartacea della Carta dei Servizi è sempre disponibile al banco dell'accettazione.

Come fare per ...

Richiedere le analisi di laboratorio

E’ possibile richiedere accertamenti diagnostici di laboratorio in tre modi:

  1. Recandosi dal medico di base che prescriverà le analisi su modulo del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) -“impegnativa rossa”-. Questo modulo consente, a chi ne ha diritto, di usufruire delle tariffe del SSN e delle riduzioni eventualmente previste, fino all’esenzione totale del pagamento. Si ricorda che per usufruire di tali agevolazioni è necessaria la prenotazione, in base alla disponibilità del budget concesso dalla Azienda USL 02 dell’Umbria al nostro Laboratorio.

  2. Presentando la richiesta di un medico compilata sul ricettario personale – “ricetta bianca”. In questo caso il paziente dovrà sostenere l’intero costo delle prestazioni richieste, secondo tariffa privata

  3. Richiedendo direttamente le analisi di laboratorio al momento della accettazione, senza alcuna impegnativa del medico. In questo caso il paziente dovrà sostenere l’intero costo delle prestazioni richieste, secondo tariffa privata.

Torna all'inizio

Ritiro referti

Ad eccezione di particolari analisi che richiedono tempi di lavorazione più lunghi, i risultati delle indagini diagnostiche possono essere ritirati di norma entro il giorno successivo al prelievo. Una precisa indicazione verrà riportata sul tagliando di ritiro referto assieme al costo delle suddette. Se per cause di forza maggiore non fosse possibile rispettare la data concordata per la consegna, il personale addetto all’accettazione provvederà ad avvisare prontamente il paziente.

Il Laboratorio dedica particolare attenzione alle modalità di consegna dei referti che ha opportunamente stabilito per garantire il rispetto del D. Lgs 196/03 sulla privacy. Per il ritiro del referto il paziente dovrà esibire sempre il tagliando specifico. In caso di delega, sul suddetto tagliando, il delegante dovrà indicare nome e cognome del delegato e apporre la propria firma. Il referto dovrà essere consegnato in questo caso sempre e soltanto in cartellina chiusa.

Il mancato ritiro del referto entro trenta giorni dall’effettuazione della prestazione specialistica comporta l’addebito all’assistito dell’intero costo della prestazione fruita (Legge del 29/12/1990 n° 407 art. 5, comma 8).

E’ possibile ottenere il recapito del referto al proprio domicilio tramite posta o fax. La richiesta dovrà essere espressa al momento dell’accettazione tramite compilazione del modulo.

Torna all'inizio

Autocertificazione esenzione ticket

Per tutti i cittadini aventi diritto all’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria (ticket) per motivi di reddito, la legislazione vigente non prevede alcun rilascio di tesserino esenzione. Pertanto la responsabilità di autocertificare è demandata al cittadino che la esplica compilando e firmando il retro delle singole impegnative e apponendo altresì la propria firma nell’apposito spazio firma autocertificante, sito anteriormente, attestando così la sua posizione e situazione reddituale. Si ricorda che sono previste sanzioni penali in caso di dichiarazioni false.

Torna all'inizio

Prestazioni in regime di convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale

Per effettuare analisi in regime di convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, il paziente deve presentare idonea impegnativa contenente:

  • nome, cognome, età del paziente, codice fiscale ed eventuale specifica del diritto di esenzione dal pagamento della prestazione.

  • specificazione delle prestazioni richieste secondo il limite per impegnativa richiesto dalle attuali disposizioni (n° 8 esami per impegnativa);

  • timbro e firma del medico e data della prescrizione. Le tariffe applicate sono quelle riportate nel vigente tariffario regionale.

Si ricorda che per usufruire della esenzione totale al pagamento o delle riduzioni alla spesa totale previste dal Servizio Sanitario Nazionale occorre la prenotazione.

Per effettuare analisi privatamente è sufficiente indicare al personale in accettazione, tramite compilazione del modulo di richiesta, gli esami che interessano.

Torna all'inizio

Altre Convenzioni

Il Laboratorio Galeno è convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale. Sono attive, inoltre, convenzioni con Mutue Private, Associazioni ed Assicurazioni che agevolano amministrativamente gli assistiti di tali Enti. Le condizioni particolari verranno applicate a condizione che il Cliente esibisca al momento dell’accettazione apposita documentazione di appartenenza all’ENTE. In caso contrario non potrà essere applicato nessuno sconto. L'elenco aggiornato delle convenzioni attualmente attive è consultabile nella sezione servizi.

Torna all'inizio

Prepararsi ai prelievi

Le più comuni indicazioni da seguire prima di sottoporsi a prelievo, venoso o mediante tampone e le modalità di raccolta dei materiali biologici sono riportati nel “Vademecum Galeno” consultabile dietro richiesta in accettazione oppure online.

Sono qui di seguito brevemente riportate le più comuni indicazioni da seguire prima di sottoporsi a prelievo, venoso o mediante tampone, per le analisi di più frequente richiesta. Per ulteriori informazioni riguardanti casi specifici, fare riferimento al personale del Laboratorio Analisi o al proprio Medico Curante.

Torna all'inizio

Prelievo di sangue venoso

Non modificare le proprie abitudini alimentari il giorno prima del prelievo. Il prelievo si esegue consuetamente nelle prime ore della mattina in quanto per alcuni esami occorre il digiuno (8-12 ore). Questo è strettamente necessario nel caso della valutazione di trigliceridi (consigliato in questo caso anche 14 ore), colesterolo, glicemia, insulina, amilasi ed acidi biliari. Nel digiuno, astenersi dall’assumere anche caffè, thè, latte od altre bevande, fatta eccezione per l’acqua naturale. Nelle 12 ore prima del prelievo evitare di sostenere sforzi fisici intensi, fumare, assumere alcoolici e farmaci, ad eccezione di quelli prescritti dal medico ed assunti abitualmente od assolutamente necessari. L’eccessivo digiuno, oltre 24 ore, è da evitare per la conseguente alterazione di alcuni parametri essenziali. Il prelievo è un atto medico, veloce, indolore e sicuro quando è eseguito da mani esperte e su pazienti sereni e disponibili.

Prima del prelievo Posizione corretta: braccio disteso e mano stretta a pugno.

Durante il prelievo Posizione corretta: braccio disteso, rilassato, mano chiusa.

Dopo il prelievo Posizione corretta: braccio rilassato, disteso e mano aperta. Il cotone va premuto a lungo nel punto esatto del prelievo, per evitare il formarsi di ematomi, così come si consiglia di evitare il sollevamento di pesi dalla parte del lato interessato nelle ore immediatamente successive.

Torna all'inizio

Prelievo per tampone faringeo

Eventuale terapia antibiotica deve essere sospesa da almeno 5 giorni.

Torna all'inizio

Prelievo per tampone auricolare

Il giorno del prelievo il paziente non deve aver pulito il condotto auricolare. Eventuale terapia antibiotica deve essere sospesa da almeno 5 giorni.

Torna all'inizio

Prelievo per tampone vaginale/cervicale

La paziente non deve essere in periodo mestruale (perdite ematiche terminate da almeno tre giorni); nelle 24 ore precedenti deve astenersi da rapporti sessuali e non eseguire irrigazioni vaginali; la mattina dell’esame può lavare i genitali solo con acqua. Eventuale terapia antibiotica generale o locale deve essere sospesa da almeno 5 giorni.

Torna all'inizio

Prelievo per tampone uretrale femminile e maschile

Non urinare per almeno un ora prima del prelievo. Eventuale terapia antibiotica generale o locale deve essere sospesa da almeno 5 giorni. Per le donne valgono le stesse norme generali dei prelievi vaginali.

Torna all'inizio

Raccogliere il materiale biologico

Sono qui di seguito riportate brevemente le modalità di raccolta dei principali materiali biologici per l’esecuzione di esami di più comune richiesta. Per ulteriori informazioni su analisi particolari fare sempre riferimento al personale del Laboratorio Analisi od al proprio Medico Curante.

Urine per esame completo

Vanno raccolte le urine della prima minzione del mattino, salvo diversa indicazione del medico curante, dopo aver scartato il primo getto. Il paziente dovrà consegnarne una piccola quantità nell’apposito contenitore (almeno 10 ml).

Urine per urinocoltura

Il paziente dovrà procedere ad una accurata pulizia dei genitali esterni. Va scartata la prima parte dell’urina emessa, mentre la successiva va raccolta direttamente nell’apposito contenitore sterile che va rapidamente richiuso.

Urine per raccolta delle 24 ore

Bisogna scartare le urine della prima minzione mattutina (tempo 0) raccogliendo le altre in un contenitore specifico reperibile in farmacia. L’ultima urina va raccolta esattamente 24 ore dopo la prima minzione scartata.

Feci

Per la coprocoltura il campione va raccolto negli appositi contenitori sterili, un quantitativo corrispondente al volume di una noce; se non fosse possibile inviare prontamente il campione al laboratorio questo può essere conservato in frigorifero a 4°C.

Per l’esame parassitologicoin considerazione dell’intermittenza con cui possono essere eliminati i parassiti intestinali, è utile controllare almeno 3 campioni fecali raccolti in 3 giorni diversi; i campioni vanno consegnati giornalmente.

Per il sangue occultoè opportuno non raccogliere campioni di feci durante il flusso mestruale oppure in casi di evidenti sanguinamenti. Irritazioni gastrointestinali che possono determinare sanguinamento sono favorite da farmaci tipo aspirina, antinfiammatori, corticosteroidi che andrebbero evitati in corrispondenza della raccolta. Poiché le emorragie da lesioni gastrointestinali possono essere intermittenti è opportuno anche per il sangue occulto, ripetere il test su 3 campioni fecali raccolti in 3 giorni diversi.

Per la ricerca di Helicobacter Pylorii, vanno raccolte solo feci formate, campioni liquidi o diarroici non sono idonei; l’esame va effettuato dopo almeno 4 settimane dalla sospensione dell’assunzione di antibiotici, inibitori di pompa, antiacidi e preparazioni a base di sali di bismuto.

Per lo Scotch Test utilizzare nastro adesivo (lungo 4-5 cm) perfettamente trasparente; al mattino prima di defecare e/o lavarsi far aderire lo scotch alla zona perianale per pochi secondi; attaccarlo quindi su un vetrino e consegnarlo in laboratorio. Non tutti i giorni vi sono femmine di parassiti che depositano uova all’apertura anale, è pertanto consigliabile ripetere il test per almeno 3 volte in 3 giorni diversi.

Escreato

Il paziente deve raccogliere il materiale tracheo-bronchiale dopo appropriati colpi di tosse. Utilizzare sempre l’apposito contenitore sterile.

Liquido seminale per spermiocoltura

Si può eseguire in qualsiasi momento. Non c’è bisogno di astinenza sessuale. Vuotare la vescica, lavare bene i genitali, raccogliere lo sperma in contenitore sterile.

Liquido seminale per spermiogramma

Per l’effettuazione di tale esame è necessario preventivamente prendere l’appuntamento e rispettare quanto più possibile l’orario di consegna. Il paziente dovrà osservare un periodo di astinenza sessuale non inferiore a 3 giorni e non superiore a 5. Il campione va raccolto esclusivamente per masturbazione, in un contenitore sterile. La perdita anche di una piccola quantità di sperma può alterare, anche significativamente, il risultato del test. Il campione deve essere consegnato entro 30 minuti dalla raccolta. In caso di impossibilità a rispettare tali tempi è possibile effettuare la raccolta presso il laboratorio.

Torna all'inizio